↑ Torna a Poesie

Milan d’in coeu

In coeu gò voeia de parlà

de la mè cità

che in tanti ann

l’è cambiada

e urmai se sa,

anca la parlada.

Vardè il Domm che bèll

ma ghè nò dumà quèll

Ghènn no dumà i navili

e ghè nò dumà San Sir

vardè anca i cà de ringhiera

anca se ghè la scighèra

In coue i sit d’ un temp i fann

pusè granda e bèla Milan

nà quai usteria, nà quai cesa

i fann senti amò il dialètt

e fann vegnì un quai surisètt

incoeu l’è propri una sorpresa

Se quidùn l’ha cunusuda e l’è andà via, l’ha rimpiangiuda,

se ghè un quai furestè che la cunùs minga

el se preoccupa no, el farà nò fadiga

e anca a lu dervèmm i brass

perché Milan l’è un gran Milan.

(TRADUZIONE)

Milano di oggi

Oggi ho voglia di parlare

della mia città

che in tanti anni

è cambiata

e ormai si sa

anche la parlata

Guardate il Duomo che bello

ma non c’è solo quello

non c’è solo il Naviglio

e non c’è solo San Siro

Guardate le case di ringhiera

anche se c’è la nebbia

I luoghi di un tempo fanno

più bella e grande Milano

qualche osteria qualche chiesa

fanno sentire ancora il dialetto

e fanno venire qualche sorrisetto,

oggi è proprio una sorpresa

Se qualcuno l’ha conosciuta

ed è andato via l’ha rimpianta,

se c’è un forestiero che non la conosce

non si preoccupi, non farà fatica

e anche a lui apriremo le braccia

perché Milano è una gran Milano